Morti sul lavoro: è la seconda vittima in due giorni a Roma

"Un vero e proprio bollettino di guerra", queste le parole di Claudia Pratelli, assessore alla scuola, Formazione e Lavoro del Comune di Roma, sottolineando che non possono bastare l'indignazione e gli appelli di fronte a questi numeri. Infatti, dal 2003 soltanto a Roma sono deceduti 76 operai, di cui 36 dall'inizio del 2021. Dopo poche ore dalla morte di Catalin Dragos Purda, operaio deceduto mentre lavorava su un'impalcatura, è arrivata anche la notizia della morte di Federico Guarnieri, caduto mentre installava la copertura di un campo da padel.


Intanto i carabinieri sono già al lavoro per ricostruire la dinamica dei fatti e per capire se fossero rispettate tutte le norme di sicurezza sul lavoro, dai primi accertamenti l'operaio sarebbe caduto all'improvviso mentre svolgeva il lavoro in altezza. Ancora una volta, i sindacati fanno sentire la loro voce, continuando a chiedere ispezioni più frequenti, controlli mirati e sanzioni più severe; oltre all'introduzione della patente a punti per le imprese e l'introduzione nei programmi scolastici di materie riguardanti la salute e la sicurezza sul lavoro.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti