Le maggiori cause di infortunio: la movimentazione manuale dei carichi

Dai rapporti INAIL si evince che il 65% degli infortuni è dovuto a malattie causate dal sovraccarico biomeccanico, frutto di non adeguata movimentazione dei carichi



Con movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intende ogni operazione di trasporto, spinta, trascinamento e sollevamento ad opera di uno o più lavoratori. Queste operazioni, ovviamente, interessano diversi settori ed ambiti produttivi, rendendo necessaria l'idoneità fisica e la formazione dei lavoratori interessati.


I rischi

La MMC è tra le cause più comuni di malattia professionale, nello specifico patologie da sovraccarico biomeccanico e disturbi della colonna vertebrale, delle articolazioni e dei muscoli.


Le caratteristiche del carico, dello sforzo e dell'ambiente possono aumentare quindi la probabilità che il lavoratore possa riportare delle lesioni aumenta.



Gli obblighi del datore di lavoro

Per quanto riguarda gli obblighi del datore di lavoro in materia di movimentazione manuale dei carichi, l'art. 168 del Testo Unico definisce che egli è tenuto a:

  • Formare, informare ed addestrare i propri lavoratori in materia di movimentazione manuale dei carichi;

  • organizzare i luoghi di lavoro in modo che la movimentazione dei carichi avvenga in sicurezza;

  • valutare le condizioni di sicurezza e salute connesse al lavoro da svolgere;

  • evitare o ridurre i rischi di patologie causate dalla movimentazione dei carichi adottando le adeguate misure di sicurezza e tenendo conto delle esigenze dell'attività;

  • sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria



Prevenzione e formazione

Uno dei mezzi più efficaci per la prevenzione dei danni derivanti dalla movimentazione dei carichi è sicuramente la sorveglianza sanitaria, in ogni caso i lavoratori devono seguire determinati comportamenti:

  • durante il sollevamento o lo spostamento del peso, non bisogna in nessun caso inarcare la schiena, è utile invece tenere il carico vicino al corpo, e sollevare il carico con il tronco eretto, piegando soltanto le gambe;

  • non utilizzare mezzi improvvisati per riporre materiali pesanti;

  • utilizzare carrelli per il trasporto dei carichi più pesanti e per lunghi percorsi;

  • ripartire equamente il peso;

  • verificare che il pavimento sia stabile ed uniforme;

  • indossare indumenti e calzature idonee.





9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti