Condomini soggetti alla conformità antincendio

Dal 7 ottobre 2021 tutti i condomìni di altezza superiore a 24 metri dovranno dotarsi dell'attestazione di conformità antincendio, con il conseguente rinnovo periodico della stessa, da effettuare ogni 10 anni. Il documento deve contenere l'attestazione dell'assenza di variazioni della sicurezza antincendio e il corretto adempimento di tutti gli obblighi di manutenzione previsti dalle norme. Nel caso ci fossero state modifiche, invece, bisogna provvedere alla presentazione di SCIA antincendio.


Le norme antincendio obbligatorie

Le norme antincendio obbligatorie variano a seconda dell'altezza del condominio, per gli edifici con un'altezza compresa tra i 12 ed i 24 metri, il responsabile della gestione della sicurezza antincendio deve:

  • identificare le misure standard da adottare in caso di incendio;

  • fornire ai residenti le informazioni sulle operazioni da effettuare in caso di incendio;

  • esporre un foglio informativo che indichi i divieti, le istruzioni ed i numeri telefonici utili;

  • mantenere in efficienza le attrezzature e tutte le misure antincendio adottate, effettuando verifiche periodiche ed eventuali manutenzioni.

I residenti, a loro volta, devono:

  • osservare le indicazioni su divieti e precauzioni;

  • non alterare la fruibilità delle vie di esodo e delle misure di protezione;

  • attuare le indicazioni indicate in caso di incendio.


Altre tipologie di condomìni

Negli edifici con altezza compresa tra i 24 ed i 54 metri, il responsabile deve:

  • verificare periodicamente il piano di emergenza;

  • informare gli occupanti sulle procedure di emergenza;

  • mantenere efficienti i dispositivi e le misure antincendio attive e passive, con controlli e manutenzione periodica;

  • esporre fogli informativi e cartellonistica che riporti le indicazioni, i divieti, i numeri di emergenza e le precauzioni;

  • adottare delle misure antincendio.

Per i condomìni con altezza compresa tra i 54 e gli 80 metri il responsabile deve provvedere a tutte i punti sopra-riportati e, in aggiunta, prevedere l'istallazione di un impianto di segnalazione manuale di allarme con indicatori di tipo ottico ed acustico.


Responsabilità dell'amministratore

L'amministratore ricopre il ruolo di rappresentante legale del condominio, pertanto è tenuto a compiere la manutenzione e la gestione delle cose comuni. Pertanto in caso di incendio provocato dalla mancata ottemperanza degli obblighi di manutenzione, l'amministratore ne risponderebbe penalmente.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti